TOUR DE FRANCE: TUTTI I NUMERI E TUTTE LE CURIOSITA’ DA COPPI A MERCKX

Loading...
TOUR DE FRANCE: TUTTI I NUMERI E TUTTE LE CURIOSITA’ DA COPPI A MERCKX
Dal numero di tappe vinte in una sola edizione (8) alla media più veloce (55,446 all’ora); dal maggior numero di podi (8) al vantaggio massimo tra il primo e il secondo (28’17”): ecco i record del Tour de France, che scatta domani, sabato 1° luglio, da Düsseldorf , in Germania.
TAPPE VINTE IN UN’EDIZIONE — In quattro edizioni, tre corridori hanno vinto 8 tappe: Charles Pélissier (Francia) nel 1930, Eddy Merckx (Belgio) nel (1970 e 1974; Freddy Maertens (Belgio) nel 1976.
TAPPE VINTE IN ASSOLUTO — Eddy Merckx detiene il record di successi di tappa: 34 (con 18 secondi e 11 terzi posti). Seguono il britannico Mark Cavendish con 30, il francese Bernard Hinalut con 28 e l’altro francese André Leducq con 25. Primi italiani, con 12, Gino Bartali e Mario Cipollini.
Eddy Merckx vanta il maggior numero di vittorie di tappa (34), di tappe vinte in un’edizione (8 in due occasioni) e di maglie gialle indossate (115)

Eddy Merckx vanta il maggior numero di vittorie di tappa (34), di tappe vinte in un’edizione (8 in due occasioni) e di maglie gialle indossate (115)

CORRIDORI IN GIALLO — In due occasioni il Tour de France ha avuto ben otto corridori diversi in maglia gialla: 1958 e 1987.

GIORNI IN GIALLO — In 7 partecipazioni, dal 1969 al 1975, Eddy Merckx ha indossato la maglia gialla di leader 115 volte, per 97 giorni.
CINQUINA — Quattro corridori hanno vinto il Tour 5 volte: Jacques Anquetil (tra il 1957 e il 1964), Eddy Merckx (1969-1974), Bernard Hinault (1978-1985) e Miguel Indurain (1991-1995). I 7 trionfi consecutivi di Lance Armstrong (1999-2005) sono stati cancellati per doping.
Jacques Anquetil è stato il primo a vincere cinque volte il Tour de France

Jacques Anquetil è stato il primo a vincere cinque volte il Tour de France

PER NAZIONI — Alle spalle della Francia (34 volte prima), il Belgio vanta 18 successi finali (con 11 corridori), seguito da Spagna (12 con 6 corridori) e Italia (10 con 7).
ABBONATI AL PODIO — Il francese Raymond Poulidor è salito 8 volte sul podio, ma mai sul gradino più alto, in 14 partecipazioni tra il 1962 e il 1976 (3 volte secondo, cinque volte terzo).
TOP TEN — Joop Zoetemelk (1° nel 1980) è entrato 12 volte (su 16 partecipazioni) nella top ten del Tour. Seguono Raymond Poulidor (11 su 17) e Lucien Van Impe (10 su 15). Due italiani ci sono riusciti 5 volte: Gino Bartali (su 8 partecipazioni) e Felice Gimondi (su 5 partecipazioni).
Joop Zoetemelk ha portato a termine tutti i 16 Tour che ha corso finendo 12 volte tra i primi 10

Joop Zoetemelk ha portato a termine tutti i 16 Tour che ha corso finendo 12 volte tra i primi 10

DISTACCHI RECORD — Nel secondo dopoguerra, il maggior distacco tra il 1° e il 2° classificato nella generale risale all’edizione 1952: 28’17” tra Fausto Coppi e il belga Stan Ockers. Il minimo sono gli 8 secondi che nel 1989 separarono Greg LeMond da Laurent Fignon.
VIVA LA FUGA — La più lunga fuga solitaria porta la firma di Alberto Bourlon: da Carcassone a Luchon, in fuga dal via sino all’arrivo per 253 km. Il più grande distacco all’arrivo tra il 1° e il 2° è datato 1976: nella Monginvero-Manosque, lo spagnolo José Louis Viejo vinse con 22’50” di vantaggio.
LE ALTRE MAGLIE — Il maggior numero di maglie verdi della classifica a punti le ha conquistate Erik Zabel: 6. Richard Virenque detiene invece il primato di maglie a pois di leader del gran premio della montagna: 7.
A TUTTA — Nel 2015 l’australiano Rohan Dennis ha stabilito il record della crono più veloce della storia del Tour: 13,8 km a 55,446 orari. Mario Cipollini detiene ancora il primato della tappa in linea più veloce: 50,355 all’ora nel 1999 sui 194,5 km da Laval a Blois. La media più elevata nella storia del Tour risale al 1999, quando Lance Armstrong centrò il primo trionfo a 41,654 orari. Ma adesso non ha più valore: il Tour più veloce è diventato quello del 2006 vinto a tavolino da Oscar Pereiro (dopo la squalifica per doping di Floyd Landis) a 40,780 orari.
E’ di Rohan Dennis la crono più veloce nella storia del Tour: oltre 55 orari.

E’ di Rohan Dennis la crono più veloce nella storia del Tour: oltre 55 orari.

NONNO VOLANTE — Nel 1922 il belga Firmin Lambot conquistò il Tour all’età di 36 anni, 4 mesi e 9 giorni. Il “nonno” di tappa è invece il belga di sangue italiano Pino Cerami, che nel 1963 vinse la Bordeaux-Pau a 41 anni, 3 mesi e 3 giorni.
SUPER BABY — Nel 1904 il francese Henri Cornet si impose nella seconda edizione del Tour a 19 anni, 11 mesi e 20 giorni. L’italiano Fabio Battestini è a tutt’oggi il più giovane vincitore di tappa: sua la Dinan-Brest del 1931 a 19 anni, 4 mesi e 13 giorni. Il più giovane partecipante è invece Camille Fily, che nel 1904 si presentò al via a 17 anni compiuti da 50 giorni e concluse al 14° posto. Non è il solo under 18: lo spagnolo Jose Perez Frances corse il Tour del 1954 a 17 anni e 217 giorni, il francese Martin Souiliè quello del 1905 a 17 anni e 260 giorni. Sempre nel 1904 Giuseppe Gerbi si presentò a 19 anni e 42 giorni.
AFICIONADOS — Tre corridori vantano ben 17 partecipazioni: Stuart O’Grady (1997-2013: 2 ritiri), Jens Voigt (1998-2014: 3 ritiri) e George Hincapie (1996-2012: 4 ritiri). Joop Zoetemelk ha corso 16 Tour tra il 1970 e il 1986 tutti portati a termine.
Facebook Comments
Loading...