“RISORSE” IN RIVOLTA AL CENTRO ACCOGLIENZA: “NIENTE E’ BUONO QUI, SIAMO MOLTO STANCHI DELLA SITUAZIONE”

Loading...

“RISORSE” IN RIVOLTA AL CENTRO ACCOGLIENZA: “NIENTE E’ BUONO QUI, SIAMO MOLTO STANCHI DELLA SITUAZIONE”

Momenti di tensione si sono registrati stamattina nel centro di accoglienza La Tinaia di Cascina, in provincia di Pisa, che ospita qualche decina di migranti, scesi in piazza a manifestare contro condizioni di vita che ritengono “insostenibili”.

A denunciare l’accaduto è stato il sindaco di Cascina Susanna Ceccardi, esponente della Lega Nord, che ha pubblicato un video su Facebook, accompagnato da queste parole: “Rivolta al centro accoglienza ‘la Tinaia’.

Da quando ci siamo insediati denunciamo i gravi problemi igienico sanitari di questa struttura. Mi hanno sempre detto che strumentalizzavo politicamente. Questo è il risultato. Siamo noi i razzisti?”.

Infatti, sono mesi che il primo cittadino, il quale a febbraio era stato audito in Prefettura dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sui migranti, denuncia quanto accade, sottolineando come ci siano 82 persone in una struttura che ne può accogliere al massimo 23.

Per tale ragione, è stato avanzato anche ricorso al Tar Toscana, che ha concesso una sospensiva alla proprietaria dell’immobile dopo l’ordinanza di ripristino dei luoghi emessa dal Comune. Il sindaco di Cascina parla di abusi edilizi, con magazzini adibiti a cucina e refettorio e nei mesi scorsi denunciava la presenza di “migranti sistemati in annessi agricoli, senza abitabilità”.

La Ceccardi ha ribadito: “Ci sono molti ragazzi malati qui al centro, la Prefettura ha sempre detto che non c’erano problemi igienico-sanitari. C’è sovraffollamento nelle strutture. Questa è speculazione, non è accoglienza”.

Un portavoce della protesta, intervistato dai media locali, ha spiegato: “Siamo molto stanchi della situazione. Non va bene niente qui: l’acqua, il cibo.

In stanza è pieno di zanzare. Molti di noi non stanno bene, io stesso sono molto malato, devo operarmi”. Un altro aggiunge: “C’è un bagno ogni quindici persone, l’acqua è sporca. Niente è buono qui”.

Facebook Comments
Loading...